versi spagnoli (I)

Soprattutto adoro incontrarti
sapida di roccia di mare,
odorosa di ciuffi d’alghe, ma
aulente di tutto il marino riposo.

Ti so fragile, conoscitrice
degli alfabeti del porto,
compagna del buio nell’azzurro
dei giardini dell’Ombra

Sapiente ti scorgo, a volte,
di tutto ciò ch’è verde,
nei recinti soleggiati attenta,
ma dormiente al primo inverno

Nuda ti interpreto, appena
coperta da floree selve
percorsa da boschi argentei

Ti avverto essere spoglia,
tu, sirena dei fiumi asciutti,
dai manti della parola.

                                                                                             Nicola Fleming

Advertisements

le muse azotate

Tutto quanto resiste è;
è tutto quanto cerca di fiorire ed è:
storia, ragnatela di sogni e festa;
Posso mai vincere la notte
senza l’oro del mattino?!
guardate la mia stanza:
è tutta bollicine
è tutta dizionari,
c’è qui una A come adenina
(per iniziare dall’inizio),
C di citosina, ma che bella ballerina
che saresti, ma che bella!
e poi G di guanina
e la mia droga la mia droga si chiama Valentina!
(ma non è che)

E a che base votarmi non lo so (aiuto!)
per uscire dalla Bolognina…
(con la mia vecchia lingua non so fare)
è tutto un portico questa r-Esistenza,
tutto un lungo latrocinio di sole:
organiche mie muse! ridatemi parole!                                                                                                                                                                                Nicola Fleming

Villa Dafne

Anche qui nel suo largo borbottio collinare
immota la Grande Natura,
al perdersi del sole,
per così dire tende a far sua d’improvviso una fitta una spessa
invisibilità – dove dentro brulica vita,

e per questo attorno al cortile,
e non solo in case di città,
vedrai il fluido bianco, che giunge l’amica
elettricità:

così: sperse qua e là per il discorso verde ma ritrovatesi attorno alla casa
(deboli idee dentro gabbiette rosse)
s’accendono piccole luci.

                                                                                                                         Nicola Fleming

molo

si sbriciolano le ore
come il pane
nella bocca del porto,

all’ancora della sera
in mezzo ai calici bianchi,

all’ancora sbarazzina
che ferma e non per sempre,

e come due passi
in un metro,
calma e un po’ scombina

sul pelo dell’acqua,
sul pelo del mondo,

che si fa un poco per ridere
e un po’ per scherzare,

ma sono le onde che tornano
a non voler ripartire,

e sono i ricordi più tondi
a non volersene andare.

banditosenzaluna

acrostici a Maria

Adesso danza l’ora quarta un’alba nuova
chiede voce: fumo dorato in dietro-vetro, schiaritrice di stanze e tetti,

così, ecco, vedo te:
mora maestra di cristiani,
sicurezza del vino todo el dia,

ti vedo principessa a Salamanca, ma
t’immagino più fragile, restia
nel tuo albeggiare a me, mirabile Maria.

Mare in mare mescolato
Abruzzo di arresi archi:
Ritornate in rime rosse,
Immoti idoli d’Icarìa,
Amici di avide acque!

Ahimè, anima amata!
Indole ionica illustre
Rompi le reti restando
ammantata d’ali algose!
Ma mestamente morbida.

Ma dove sei luna redonda, ahimè, come possiamo
abbassare le cornette della notte: ritrovarci tra noi amici tra noi altri per noi stessi tra me e lei?

come potere tramontare
dalla tua fronte, tu, arrotondata
flebile… ma mia!

e non sarai forse miele nero?
vino di Spagna alle mie labbra se ti chiamo,
dulce y hermosìsima Maria..?

                                                                                                                        Nicola Fleming

di H e di due O

Da giovini i due amanti
vanno assieme, sono tutti
ossigenosi:
passano le ore (non c’è verso
averne uno) tutti presi
dal loro doppio mono-amore…

Ma poi il Mondo,
messa su una grande H,
(ch’è fatta di respiri
di richiami ed erba alta
di cani e gatti di case con dentro i piatti)

brusco li divide: in due li spacca…

Da allora, sta pur certo,
verrà sul loro amore
una grand’acqua.

                                                                                                                          Nicola Fleming

still life e pace

come si dice, still life,
stillicida crudele, Aprile
i tuoi morsi in domeniche infinite
i lunedì,
di Chiara,
le sue mani
grondanti sangue in stagioni
e guerra

i lunedì i lunedì, Chiara!

immobilità della furia
e sete d’aria tintinnante
caldossigeno pompato via

(e ovunque vedo segni)

per poca che sia:
è pace la mia

                                                                                                                          Nicola Fleming