versi spagnoli III

Se veloce t’insegue questo mio pensiero
quando nulla attorno a me ti rassomiglia
ecco, è il tuo viso tutta la Castiglia
e solo dai tuoi occhi
viene il Duero.

Il tuo petto è la Galizia, ma
tu hai collo andaluso:
fanno le tue spalle un mare chiuso
un bacio tra due terre
a Gibraltar.

E come cingere senza una vergogna
La schiena tua, dolce chitarra,
che scende da Bilbao, verso Navarra
fino alla sua segreta
montuosa Catalogna?

Cos’altro di te potrò veder
mia dolce, nonostante la distanza?
la costa che nelle tue gambe danza
Verde come verdi
le onde a Santander!

Linee arabe mi offron le tue mani
stese nelle mie quasi deserte
ultime foglie dell’autunno, incerte
se cadere
le memorie dei sultani.

Ti vedo, toda España, sposa di tre mar
ebbra di latina conoscentia:
e il Cid alla conquista di Valencia
vedo, e nel grembo
tuoi i secoli passar

Vedo di Oliveiro, vedo di Roldàn
i prodi gesti e le centurie,
e nei tuoi fianchi le curve delle Asturie
ma chi le loro note
delicate può suonar?

Vedo di Roldàn, vedo di Oliveiro
le armi ben spiegate nei cantari
e a te, bambina delle Baleari,
quante forme ha dato questo
mio pensiero!

Cosa pesa sul tuo cuore mia Leòn
in questa triste ora?
Non sono i tuoi capelli i ponti di Zamora?
confusi sulla bocca, dove i denti
son pietre bianche nei pressi di Gijòn?

                                                                                                          Nicola Fleming

Advertisements