versi spagnoli (II)

Lasciami i rossi astri!
le esperidi sonore,
e tutti gli incerti sogni
pugnali dell’Aurora!

Lasciami la luce!
avanzata dal martirio dell’alba,
la più interna rosa della rosea luna

La parola dei pozzi bianchi,
dal profondo e sacro sonno,
l’anima del legno, lasciami!
i baci dell’ottone!

Il borgo, immota nave,
e tutto un patio silenzioso,
l’irta erba lasciami!

E avanzerò nei corridoi aperti
pozzanghere e colonne, a me,
architravi coscienziose, salve!
e voi capitelli bambini;

Avanzerò nella viva piazza
nella periferia dell’oggi,
più che circondato d’occhi,
comunque qualcuno avanza;

Le rosee lune e gli astri rossi
chiudano i tuoi secoli percorsi
lettore lacrimoso d’ambra.

I giorni sono tondi, l’acqua cresce,
ruotano tutti in simboli profondi,
ma tu piangi, mi rincresce.

Nicola Fleming

Advertisements

versi spagnoli (I)

Soprattutto adoro incontrarti
sapida di roccia di mare,
odorosa di ciuffi d’alghe, ma
aulente di tutto il marino riposo.

Ti so fragile, conoscitrice
degli alfabeti del porto,
compagna del buio nell’azzurro
dei giardini dell’Ombra

Sapiente ti scorgo, a volte,
di tutto ciò ch’è verde,
nei recinti soleggiati attenta,
ma dormiente al primo inverno

Nuda ti interpreto, appena
coperta da floree selve
percorsa da boschi argentei

Ti avverto essere spoglia,
tu, sirena dei fiumi asciutti,
dai manti della parola.

                                                                                             Nicola Fleming

le muse azotate

Tutto quanto resiste è;
è tutto quanto cerca di fiorire ed è:
storia, ragnatela di sogni e festa;
Posso mai vincere la notte
senza l’oro del mattino?!
guardate la mia stanza:
è tutta bollicine
è tutta dizionari,
c’è qui una A come adenina
(per iniziare dall’inizio),
C di citosina, ma che bella ballerina
che saresti, ma che bella!
e poi G di guanina
e la mia droga la mia droga si chiama Valentina!
(ma non è che)

E a che base votarmi non lo so (aiuto!)
per uscire dalla Bolognina…
(con la mia vecchia lingua non so fare)
è tutto un portico questa r-Esistenza,
tutto un lungo latrocinio di sole:
organiche mie muse! ridatemi parole!                                                                                                                                                                                Nicola Fleming