acrostici a Maria

Adesso danza l’ora quarta un’alba nuova
chiede voce: fumo dorato in dietro-vetro, schiaritrice di stanze e tetti,

così, ecco, vedo te:
mora maestra di cristiani,
sicurezza del vino todo el dia,

ti vedo principessa a Salamanca, ma
t’immagino più fragile, restia
nel tuo albeggiare a me, mirabile Maria.

Mare in mare mescolato
Abruzzo di arresi archi:
Ritornate in rime rosse,
Immoti idoli d’Icarìa,
Amici di avide acque!

Ahimè, anima amata!
Indole ionica illustre
Rompi le reti restando
ammantata d’ali algose!
Ma mestamente morbida.

Ma dove sei luna redonda, ahimè, come possiamo
abbassare le cornette della notte: ritrovarci tra noi amici tra noi altri per noi stessi tra me e lei?

come potere tramontare
dalla tua fronte, tu, arrotondata
flebile… ma mia!

e non sarai forse miele nero?
vino di Spagna alle mie labbra se ti chiamo,
dulce y hermosìsima Maria..?

                                                                                                                        Nicola Fleming

Advertisements

di H e di due O

Da giovini i due amanti
vanno assieme, sono tutti
ossigenosi:
passano le ore (non c’è verso
averne uno) tutti presi
dal loro doppio mono-amore…

Ma poi il Mondo,
messa su una grande H,
(ch’è fatta di respiri
di richiami ed erba alta
di cani e gatti di case con dentro i piatti)

brusco li divide: in due li spacca…

Da allora, sta pur certo,
verrà sul loro amore
una grand’acqua.

                                                                                                                          Nicola Fleming