Odeon

Della vita mortale ricordo
le metà-prezzo dei martedì,
forse,
che dicevamo essere cinema
tanto per dire
per dire Odeon per dire bella, ti ci porto
domani ch’è martedì…
andare a lungo
per corridoi di fuori casa

Le mattine di ruggine
e croste spesse di cielo
commentate da gocce d’acqua e
lunga assenza del sole
tanto meglio se non torna
se non ti guarda,
se ti chiede
il numero, anche lui, io lo rivolto
e sia d’esempio!

I locali
dove incontri gli insegnanti
la sera prima che si prende il treno
e tutti sparsi di qua e di là
poi ritornano con il sorriso
che sta a dire, oh lavorare!
meglio, meglio sei che vivere!

Tutto questo me lo ricordo,
se ti ricordi,
di quando ancora prendevi un treno
e sola e solo a Camposanto
lo rivedevi il cielo

Tutto questo me lo ricordo, tutto questo,
città infame e macchinario
sinistro di torture
tutto l’amore di chi ti ama
me lo ricordo,
come ghiaccio dentro il vino,
come a dovere ricordarmi
che per te non ho pietà

Tutto questo me lo ricordo, tutto questo

e tanto altro

…e il numero 8, piazza Azzarita,
lo ricordo,
io al terzo piano guardare due punti
così chiari e fissi come occhi,
pensare davvero
questa donna non ha meglio da dirmi,
prendere, allora, a stima
di me quella finestra
lasciata indietro, lì,
casualmente aperta

                                                                                                                          Nicola Fleming

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s