quella vecchia canzone

M’ha veniri a truvari
sta notti, luci mia?
sinnò lu cielu squagghia nta lu catu
muta ‘n carbuni l’aria
macar’u mari chiance, tribolatu,
puru l’aceddi pierdinu la via

M’ha veniri a truvari
sta notti, luci mia?
Mala sorte ca ti mise accusì ‘n avutu
ca jo manco arrivio allu scalune!
A raggia mi putissi fari r’abbitu,
E s’un ti viu lu cori nun quaria

Scinni ri dduocu
sta notti, vita mia,
‘un mi lassari sulu ‘n chista stalla
lu vinu faci acitu
lu focu sienza tia ‘unn’abballa
suddisfaziuni, sì, ri l’arma pia

Veni stanotte
ca l’amuri t’ha ‘nsignari

Scinni a rialarmi ‘i to’ capiddi
e ‘un li liari
scinni, bedda, ca sì granciu ntra le stiddi.

                                                                                                                          Nicola Fleming

Advertisements

Odeon

Della vita mortale ricordo
le metà-prezzo dei martedì,
forse,
che dicevamo essere cinema
tanto per dire
per dire Odeon per dire bella, ti ci porto
domani ch’è martedì…
andare a lungo
per corridoi di fuori casa

Le mattine di ruggine
e croste spesse di cielo
commentate da gocce d’acqua e
lunga assenza del sole
tanto meglio se non torna
se non ti guarda,
se ti chiede
il numero, anche lui, io lo rivolto
e sia d’esempio!

I locali
dove incontri gli insegnanti
la sera prima che si prende il treno
e tutti sparsi di qua e di là
poi ritornano con il sorriso
che sta a dire, oh lavorare!
meglio, meglio sei che vivere!

Tutto questo me lo ricordo,
se ti ricordi,
di quando ancora prendevi un treno
e sola e solo a Camposanto
lo rivedevi il cielo

Tutto questo me lo ricordo, tutto questo,
città infame e macchinario
sinistro di torture
tutto l’amore di chi ti ama
me lo ricordo,
come ghiaccio dentro il vino,
come a dovere ricordarmi
che per te non ho pietà

Tutto questo me lo ricordo, tutto questo

e tanto altro

…e il numero 8, piazza Azzarita,
lo ricordo,
io al terzo piano guardare due punti
così chiari e fissi come occhi,
pensare davvero
questa donna non ha meglio da dirmi,
prendere, allora, a stima
di me quella finestra
lasciata indietro, lì,
casualmente aperta

                                                                                                                          Nicola Fleming