riscrittura di Aragon

Lunghi occhi, buon paguro
fuori l’uscio va spiando
qui c’è un ostraco ben duro
da cui s’esce camminando

Danza un canto saggio e lento
mai che metta un piede in fallo
l’alimenta questo tempo
come Lera al primo ballo

C’è una spiaggia ben nascosta
letto per conchiglie e luce
un palazzo d’aragosta
nei miei giochi la conduce

(Mare nato in primavera
da miracoli in partenza
nel mio spirito di cera
l’occhio sposa la cadenza)

Non è a scuola che ha imparato
a nuotare con Sileno
sulle labbra ha coltivato
una rosa d’oro e xeno.

                                                                                                                          Nicola Fleming

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s