strofe trovate in un codice stradale

Il Maltese che raccoglie libri
e bicchieri da caffè
è tornato indietro con una donna
giù verso città.

Buon viaggio, sì, buon viaggio
non suonarmi Albeniz questa notte:
settembre sarà il più crudele dei mesi,
nutrirà polvere in vortici, per Cooney Potter
rovina e siccità.
le cose han preso partito,
in terre desolate, su una strada
che non porta né allo spirito né…

nel resto nulla di nuovo:
si ama ogni tanto
come coi fari anabbaglianti
cioè soltanto:
da mezz’ora dopo il tramonto;
fino a mezz’ora prima dell’alba;
e in tutte le condizioni di scarsa visibilità.

                                                                                                                   Nicola Fleming                                                                                                                                           

Advertisements

proemio ad opera futura (invocazione alla Venerabile V.)

Vieni Vi, vieni a me.
Vieni, cerchiamo assieme…
Cerchiamo kenningar per i tuoi occhi;
e sabbie che non conosci

(grava un antico incanto
sui tuoi capelli,
la tua anima è celata)

le danze tue curano i folli
tu, fanciulla verderame,

i simboli a te obbediscono
e le rune ti sono amiche
quale il tuo nome presso gli uomini,
rivelami, Vi, Vi, Vi…
ed ogni altro
diverso nei Nove Regni.

E da Haugesund a Sylt
chi ti invoca mostrami,
e quali pellegrini
ti cercano
tra i ghiacci di Jothunheim
e le cime del Reinhaimen,
tra i boschi di Jesperhus
e l’aspraroccia di Aslund.

Mostrami il Canto,
farsi brina di foglia,
goccia, inchiostro, rumore
tracciato, gabbia e serra,
profumo, lume e nettare,
mostrami! Nel Nulla d’Acqua, gioia! pace! mostrami tu!

Chiudimi gli occhi ora, che veda.

 

                                                                                                                         Nicola Fleming