io e te (nell’appartamento)

essere qui,
con molte cose nella testa,
e il disordine tutto
sistematicamente confuso
dentro e fuori

essere qui insieme a te, adesso,
tra tazzine e libri
e cucchiai
che non si trovano mai,
e i vestiti sparsi addosso
al nostro unico specchio,

sembra ogni tanto
di non dover contare
alcun minuto,
quasi avessimo distorto noi
il quadro
all’orologio,
creando strappi
al suo cammino
buoni a darci respiro

a forza di graffi
sugli occhi,
di baci sulla schiena,

come me che progetto
di versare altra cera
alla candela
perché non smetta mai
di accendersi,
perché preservi il suo profumo,

e tu che ridi e ridi
alla sua grazia
e alla mia idiozia,

ma sembra pure ogni tanto
di non poterli fermare
i secondi,
quasi fosse del tempo
il silenzio
che ci accompagna alla notte,

a forza di vino e aria buona,
tra pensieri indiscreti..

io e te qui, lontani dal mondo
che fuori dorme e si ostina
nella malinconia delle strade
e dei palazzi, dei negozi
e dei vetri,
delle finestre dietro ai gerani
appassite, assopite..

per tutti i colori appesi ai muri,
per il caffé sul fornello appena uscito,
per il burro e per il pane tostato,

e per il riflesso sul vetro
che ci disegna intrecciati,
scomposti nel blu e nel rosso
del letto, adesso..

è inutile dirsi non pensiamo,
ora che siamo qui
appesi al sonno
per il suo filo sottile,
adesso che siamo qui
leggeri leggeri
così lontani da ieri..

 

banditosenzaluna

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s