notturno

Tu che sei vento Maestro
stelle e tegole rotte
tu che scegli gatti al vespro
per cantar la notte

Giorno figlio delle stelle
a cu il vento ormai
cuce lacrime sorelle
per i nostri guai

Soffia, soffia alla finestra
che il mio cuore chiede
soffia e fai di sogni belli
la notturna neve

Neve cadi piano, piano sulla piccola stanza
sulla fronte di chi dorme sciogli tua sostanza

Bacia lei che ha sulla bocca vento, notte e pianto
Torna poi sopra le labbra dove è scritto un canto

Neve, vento, notte, sogno
alti cavalieri
dei tuoi occhi hanno bisogno
lungo loro sentieri

Vita incendia il mio domani, ma conserva ieri.

                                                                                                                                                                                                                          Nicola Fleming

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s