Quadri

plenilunio di occhi belli                                                               nave lenta e oltre gli orti
gioia estate rancorosa                                                                  pesca un’ape con la lenza
stanno in pegno coi capelli                                                         bevi sempre sorsi corti

per il circo della Rosa                                                                   secchi d’erba conoscenza
corpo alzato cerca scampo                                                         corpo alzato cerca scampo
cerchi scope manganelli                                                             nudi d’ombra stanno porti

e tu dimmi in quale dove paese
è costato meno dire notte
parlare del grano

retine risate dell’ambra ponti verso sette lune
ogniqualvolta surriscaldati salgono i ragni le porte
più volte baciati raccolgono il limo ma poi
opportune le albe circondano campi restringono
e tornano a noi.

                                                                                                                     

                                                                                                              Nicola Fleming

mente, occhio, corpo

oppure indenni cogliere illusioni
oppure chiudere
circonchiudere i biscotti nel pacco universale, e
dedurre anche il tubero dal seme
oppure spegnersi

solleticare il piano infinito in più punti, oppure
accogliere misurate distanze
oppure scegliere la foglia ferma, oppure
scorrere le altezze condominiali,
oppure vagare;

oppure falciare il prato, bere l’erba
oppure rastremare colonne
oppure tingere camicie, arrotolare foglie
oppure rastremare il prato, falciare colonne
oppure bere.

                                                                                                    Nicola Fleming

versi spagnoli III

Se veloce t’insegue questo mio pensiero
quando nulla attorno a me ti rassomiglia
ecco, è il tuo viso tutta la Castiglia
e solo dai tuoi occhi
viene il Duero.

Il tuo petto è la Galizia, ma
tu hai collo andaluso:
fanno le tue spalle un mare chiuso
un bacio tra due terre
a Gibraltar.

E come cingere senza una vergogna
La schiena tua, dolce chitarra,
che scende da Bilbao, verso Navarra
fino alla sua segreta
montuosa Catalogna?

Cos’altro di te potrò veder
mia dolce, nonostante la distanza?
la costa che nelle tue gambe danza
Verde come verdi
le onde a Santander!

Linee arabe mi offron le tue mani
stese nelle mie quasi deserte
ultime foglie dell’autunno, incerte
se cadere
le memorie dei sultani.

Ti vedo, toda España, sposa di tre mar
ebbra di latina conoscentia:
e il Cid alla conquista di Valencia
vedo, e nel grembo
tuoi i secoli passar

Vedo di Oliveiro, vedo di Roldàn
i prodi gesti e le centurie,
e nei tuoi fianchi le curve delle Asturie
ma chi le loro note
delicate può suonar?

Vedo di Roldàn, vedo di Oliveiro
le armi ben spiegate nei cantari
e a te, bambina delle Baleari,
quante forme ha dato questo
mio pensiero!

Cosa pesa sul tuo cuore mia Leòn
in questa triste ora?
Non sono i tuoi capelli i ponti di Zamora?
confusi sulla bocca, dove i denti
son pietre bianche nei pressi di Gijòn?

                                                                                                          Nicola Fleming

la mattina, forse. e di seguito

è la mattina, la mattina, la mattina: questo crescente stemperarsi, ossidarsi le maglie del buio
la mattina, la mattina è il Crescente: il Solvente: il Drenante, il Defaticante!
è l’Arborescente, silenzioso sèfiro, il molto paziente gioco di radice
l’infiltrarsi a salire dai marciapiedi di luce luce luce, dalle stanze delle finestre dei letti: dei letti delle notti e di tutti i letti che hanno respirato vivi, da questi a questi ancora luce!
*
è il giorno, il giorno questo spandersi in sillabici furori, questo alternarsi di marine immaginarie nello spegnersi di lampade, il palesarsi dei futuri
è una colonna greve che piange più e più capitelli, sfianca la mente
si fa la città: attorcigliando e attorcigliando le rase case, suppurando dai vulnera dei tetti piovendo s’un asfalto finalmente trovata istituzione!
*
ma cos’è che chiama, chiama, ch’è un picchiettio ordinato e un gemere di valvole e ubriachezza di strumenti, e astrolabi e contatori?, cos’è che resiste che permane,
che fiaccando le attese svuota e sbatte orologi?, è il canto que trata de España?,
è l’adelante lo snervante profumo dell’essere, dell’essere a-capo o all’ancora,
ma ancòra a filo doppio tessuti al mondo ed esser-di-nuovo, poiché svegli, ancora ancora?
*
è vita, forse, vita, si dice, si grida: vita!, vita si chiama codesto? e come chiamarlo il Perturbante il Restante il Durante, tondezza levigata boa immensa dell’essere, forse anche l’essere tu e di contro l’essere questo, l’immenso che è il sempreoggi il camminante: il trascorrere, peso schiacciacittà!
*
e questo fuori, è fuori eterno questo infuriare all’aperto, questo che sibila e bacia, l’attesa che grava a sforzo infinito sulle membra in riposo: forzato riposo del ricominciare e
*
sarebbe vita, ancora, anche questo: tu uomo, l’animale che la sfortuna di domani rende sfortunato l’oggi, e puoi ancora dire qualcosa e puoi ancora accettarla, e accettarla così a suon di sveglie di voci bestemmie e latrati dal Fuori, a suon di onestà dignità senza fronzoli, vita!
*
e già costa l’alzarsi l’andare il venire, l’imbracciare l’afferrare e intraprendere idee, l’afferrarsi alle idee, le azioni: cose pronte al mattino e pendule dai rami del mattino, è già duro, già duro così
*
e quest’alzarsi aprire bene occhi e mente e camminare riconoscere contare, figuriamoci elaborare e partorire, ad esempio, il proprio quotidiano contributo all’edificazione del Socialismo ed ecc. ecc.
*
pure, nel fuori, pure, devo dire riconoscere ammettere, pure, nel fuori ci sei c’è la Tua c’è il di-te, un’anima una voce, la voce, la tua, la tua pietralata, urbanizzata carrabile metafora, la tua pianterreno scala A non riconosco il pulsante, mi indichi? mi indichi? dove la luce?
*
ma cos’è, insomma, cos’è, in primis e in ultimis, questo, questo: cos’è?
lo vedi di seguito tutto lo vedi
è tutto un posare parole sempre un posare parole,
lo vedi, ecco, ‘sto ritmo di passi: sono io che cammino, sei tu,
certo, anche il Tutto, le strade e città e rettangoli e i Canti di vita, gli sbirri, le azucene in camicia, l’improvvisa primavera, la morte abitudine, gli occhi e la terra, certo, ma la mattina, anche,
*
e anche sei tu.
*
[Pausa]
*
tu che non le hai prese per comiche
eppure hai riso
alle mie smanie napoleoniche,
bello sarebbe avere in una vita
di sbandamenti
una sorta di carriera implicita;
tu me la tendi
me la tendevi ieri che dicevi:
“Voglio essere la tua Felicita”;
ma vogliamo lasciar questi pensieri?
le vetuste immagini di Napoli,
a casa tua,
*
e le damine tutte svenimenti
e l’angoscia i sentimenti,
le farine di sorrisi contenti:
la vita accetto, basta, il dolce e l’agro;
poco fa mi sono visto nei tuoi occhi:
mi facevano più magro.
                                                                                                   Nicola Fleming

riscrittura di Yeats

Chi possiede la saggezza della terra
coltivata con l’amore del legno e della luce
mattutina, e la treccia e il disegno
li veste ingenuamente, lontano
dalle luci e mezze luci di città, questi,
la sua onestà potrà stendere ai tuoi piedi;
E invece io, non essendo onesto, ho solo i miei fronzoli:
e i miei fronzoli ho steso ai tuoi piedi,
cammina leggera
perché cammini sui miei fronzoli.

                                                                                                                        Nicola Fleming

versi spagnoli (II)

Lasciami i rossi astri!
le esperidi sonore,
e tutti gli incerti sogni
pugnali dell’Aurora!

Lasciami la luce!
avanzata dal martirio dell’alba,
la più interna rosa della rosea luna

La parola dei pozzi bianchi,
dal profondo e sacro sonno,
l’anima del legno, lasciami!
i baci dell’ottone!

Il borgo, immota nave,
e tutto un patio silenzioso,
l’irta erba lasciami!

E avanzerò nei corridoi aperti
pozzanghere e colonne, a me,
architravi coscienziose, salve!
e voi capitelli bambini;

Avanzerò nella viva piazza
nella periferia dell’oggi,
più che circondato d’occhi,
comunque qualcuno avanza;

Le rosee lune e gli astri rossi
chiudano i tuoi secoli percorsi
lettore lacrimoso d’ambra.

I giorni sono tondi, l’acqua cresce,
ruotano tutti in simboli profondi,
ma tu piangi, mi rincresce.

Nicola Fleming

versi spagnoli (I)

Soprattutto adoro incontrarti
sapida di roccia di mare,
odorosa di ciuffi d’alghe, ma
aulente di tutto il marino riposo.

Ti so fragile, conoscitrice
degli alfabeti del porto,
compagna del buio nell’azzurro
dei giardini dell’Ombra

Sapiente ti scorgo, a volte,
di tutto ciò ch’è verde,
nei recinti soleggiati attenta,
ma dormiente al primo inverno

Nuda ti interpreto, appena
coperta da floree selve
percorsa da boschi argentei

Ti avverto essere spoglia,
tu, sirena dei fiumi asciutti,
dai manti della parola.

                                                                                             Nicola Fleming